Passa ai contenuti principali

Semifreddo agli amaretti con crema di cachi

Questo dolce l’ho mangiato un paio di anni fà in Alto Adige, per la precisione al ristorante Kofererhof di Varna. 
Era una serata gelida, la stanza distava non più di 600 metri dal ristorante e quindi perché non andarci a piedi? 
Peccato che era buio e non c’era il marciapiede e ci siam dovuti fare una bella passeggiata nella neve. Arriviamo bagnati al ristorante, un posto bellissimo, rustico, caldo e accogliente, tutti i tavoli erano occupati, un gruppo di 4 persone era in piedi ad aspettare... si avvicina la cameriera, in abiti tradizionali e ci chiede “avete prenotato?” -  ehmmm mmm mmm “no” - e lei “mi spiace non c’è proprio posto stasera. Stavo per mettermi a piangere, fuori non ci sarei tornata per nulla al mondo con quel freddo, piuttosto avrei aspettato lì dentro, guardando gli altri mangiare, e poi sarei tornata a casa senza aver messo nulla nello stomaco. 
E poi il miracolo... proprio vicino alla porta, diviso da un basso muretto c'era un tavolo quadrato e al tavolo una coppia, lui ci dice (eravamo in 2) "se per voi non ci sono problemi potete sedervi al nostro tavolo"...
Considerando che a quel punto pensavamo fossero alieni, e non 2 gentilissimi signori di Biella, ci siamo seduti con loro e abbiamo gustato in compagnia i buonissimi piatti casalinghi e della tradizione che il ristorante proponeva.
Il semifreddo non so se fosse della tradizione, comunque il cuoco mi ha scritto su un foglietto la ricetta... le persone non smettono mai di sorprendermi :-) Ovviamente io mi sorprendo sempre un pò meno, infatti la ricetta è andata persa, ma gli ingredienti non erano molti, quindi ho cercato di ricrearla... magari gliela invio per conferma... se avessero una mail...


















Ingredienti per 6 persone:
3 uova
150 g di amaretti
200 ml di panna fresca
2 cucchiai di zucchero a velo
2 cucchiai di liquore all'amaretto
2 cachi

Montare i tuorli con lo zucchero, fino a quando non diventeranno spumosi e di un rosa pallido. Tritare gli amaretti e aggiungerli al composto, lasciando un pò di granella da parte e 6 amaretti interi per la guarnizione. Montare gli albumi a neve ferma con un pizzico di sale e aggiungere anch'essi alla crema, delicatamente, mescolando dal basso verso l'alto per non farli sgonfiare. Montare infine la panna e unirla al resto degli ingredienti. Aggiungere il liquore e continuare a mescolare.
Versare la crema ottenuta in 6 stampini monoporzione, fino a 2 dita dal bordo, aggiungere in ognuno la granella di amaretti. 
Far raffreddare nel congelatore per un'ora.


Prima di servire, guarnire ogni stampino con i cachi precedentemente sbucciati e ridotti in purea con il frullatore e un amaretto intero.

Il dolce è un pò calorico, quindi mangiatene solo una porzione alla volta, le altre possono restare nel congelatore fino al giorno dopo... e oltre :-P

Commenti

  1. Ciao Kika, interessante questa ricetta, è un mix tra le mie casette di panna cotta e la coulisse che ho in programma per mercoledì ;)
    torna a trovarmi, grazie della visita e del commento!

    RispondiElimina
  2. Kika, ma sei prorpio brava! Che bella questa ricetta e come si presenta bene ;) sbirciavo qui e là il tuo lavoro, che trovo davvero molto interessante, complimenti!

    RispondiElimina
  3. La ricetta è favolosa e poi il racconto della cena è stato molto bello! :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo