Passa ai contenuti principali

La barchetta in mezzo al mare

Questo dolcetto è stato il pezzo forte della serata, siccome di ganache ne era venuta tanta, ho riempito anche dei bicchierini da liquore, mettendoci poi un savoiardo a modi cucchiaino e una spruzzatina di codette di cioccolato... non ne sono avanzati!
E il bello è stato che eravamo tutti sazi, ma poi una parola tira l'altra... e un paio di bicchierini erano ancora sul tavolo... e il passo dal guardare il bicchierino, al mettere in savoiardo inzuppato di crema in bocca è breve :-)

Insomma, i miei ospiti sono andati via soddisfatti e mi hanno riempito di complimenti, non c'è niente da fare, la passione per la cucina si accresce di più quando prepari le cose con amore alle persone a cui vuoi bene.
Stanotte sognerò magari di essere su una di queste barchette e di spingermi in luoghi inesplorati, dove si mangiano piatti esotici, dove le strade sono invase dai profumi invece che dallo smog... buonanotte

Crostatine con ganache al profumo d'arancia


















Ingredienti per 8 crostatine:
Per la pasta frolla:
200 g di farina 00
80 g di burro a temperatura ambiente
80 g di zucchero
1 uovo intero
scorza di 1 arancia 
un pizzico di sale
Per la crema:
100 g di cioccolato fondente
200 ml di panna fresca
succo di 1/2 arancia
Per le scorzette di arancia:
2 arance
100 g di zucchero
250 ml di acqua

Tagliare le bucce d'arancia a listarelle staccatele dal frutto delicatamente avendo cura di non romperle. Metterle in un pentolino  in acqua fredda e far bollire, scolare  e ripetete l'operazione ancora per un paio volte.

Mettere le bucce nel pentolino con acqua e zucchero e portare a ebollizione. Far cuocere fino a quando le scorze non saranno divenute quasi trasparenti e il liquido sarà evaporato.

Scolare e metterle le bucce ad asciugare su carta da forno.
Una volta fredde ed asciutte, far sciogliere il cioccolato a bagnomaria ed immergere le scorzette per metà.
Riporre in frigo per qualche ora.

Intanto che le scorzette cuociono impastare velocemente 200 g di farina 00, lo zucchero, il burro tagliato a tocchetti, 1 uovo, la scorza grattugiata di un'arancia e il sale, fino ad ottenere un impasto morbido e omogeneo. Fare una palla, avvolgerla nella pellicola trasparente e riporla nel piano più basso del frigorifero per mezzora.

Sciogliere 100 g di cioccolato fondente in un pentolino con 200 ml di panna fresca, versare il liquido ottenuto in una ciotola capiente e porre in frigorifero per mezzora.

Passata la mezzora, togliere la pasta frolla dal frigorifero, imburrare e infarinare 8 stampini a forma di barchetta, foderarli con la pasta frolla. Coprire la superficie con un pezzo di carta d'alluminio e riempire con fagioli secchi.
Infornare per 10 minuti a 180° (il forno deve essere già caldo), rimuovere i fagioli e l'alluminio e far cuocere per altri 5 minuti. Togliere dal forno e far raffreddare.

Intanto che gli stampini sono nel forno, togliere la ciotola con il composto di panna e cioccolato dal frigorifero, montare il tutto con una frusta elettrica fino a che non raddoppierà di volume e diventerà morbido e cremoso. Aggiungere il succo di mezza arancia e montare con la frusta per altri 2 minuti.

Quando le barchette di pasta frolla  si saranno raffreddate, mettere sulla base uno spicchietto di arancia molto sottile pelata a vivo (senza la pellicina bianca) e riempitele con la ganache di cioccolato. Riporre ne frigorifero per una decina di minuti in modo che la crema si solidifichi un pò.

Prendere 8 stuzzicadenti e infilzare le due estremità di altrettante scorzette creando una mezzaluna e mettere uno stuzzicadenti in verticale su ogni barchetta, così da dare l'idea di una vela gonfiata dal vento.

La barchetta in mezzo al mare
La barchetta in mezzo al mare  
Se ne andava a Santa Fè,
e voleva trasportare
mezzo chilo di caffè.
La comanda un capitano
Con la barba rossa e blu
Fuma un sigaro toscano
Che proviene dal Perù.
Barca barchetta
Vai in mezzo al mar,
barca barchetta
vai non ti fermar!

Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo