Passa ai contenuti principali

Paté di lenticchie nere, pane alle noci e lardo

Il giorno di Santo Stefano sono partita con tutta la famiglia, destinazione Val d’Aosta.
Non siamo sciatori, io non prendo uno skilift da almeno 20 anni, se non di più (esistono ancora?) e le mie figlie non sono mai nemmeno salite su una slitta. 
La Val d’Aosta però offre tante possibilità anche per i non amanti della neve.
Ci siamo fermati appena superato il confine con il Piemonte; Pont-Saint-Martin ci è sembrato un ottimo punto di partenza per brevi escursioni nei dintorni.
Siamo stati ospitati in due stanze in un piccolo appartamento all’interno di una cascina, lungo la Dora Baltea, compagne di stanza una quarantina di mucche, poi vitelli, galline e altro ancora. 
La mattina ci è stato donato del latte appena munto, era la prima volta che lo assaggiavo e ne sono rimasta entusiasta.
Abbiamo visitato i castelli di Verres e Issogne, accompagnati da ottime guide che hanno catturato il nostro interesse per tutto il tempo, abbiamo apprezzato una mostra dei fotografi della Magnum al Forte di Bard, bevuto un caffè con un amico e mangiato benissimo in ogni posto in cui ci siamo fermati.
L’acquisto di latte, burro e formaggi in un caseificio della zona ha concluso il nostro breve viaggio in famiglia, caratterizzato da sole, lentezza e tranquillità.



Ma torniamo a parlare di cibo, sono rimasta talmente colpita dal paté di lenticchie rosse preparato per Natale, che ho voluto subito farne una versione con le lenticchie nere. 
La ricetta è sostanzialmente la stessa di Mapi del blog La apple Pie di Mary Pie (pubblicata sul libro Mtchallenge L'ora del paté - Sagep Editori), cambia l’accompagnamento: lardo di Arnad, acquistato appunto nel nostro viaggio, e pane di grano saraceno e noci.

Per 6 persone:
180 g di lenticchie nere
500 ml di brodo vegetale
1 scalogno tritato
1 spicchio d'aglio
pepe verde
30 g di burro
30 ml di Vermouth bianco secco
2 cucchiaini di maggiorana secca
olio extravergine di oliva
Lardo di Arnad
Pane di grano saraceno alle noci o segale

In una pentola, soffriggete lo scalogno, l'aglio in un giro d'olio per 3 minuti, aggiungete le lenticchie, la maggiorana e abbondante pepe verde e mescolate bene. Sfumate con il Vermouth e fate evaporare a fuoco vivo. Aggiungete il brodo caldo poco a poco e fate cuocere per 20/25 minuti. 
Aggiungete il burro e fuori dal fuoco e amalgamate bene il tutto. 
Frullate per ottenere una crema omogenea. 
Foderate uno stampo con della pellicola trasparente e versatevi il paté compattando bene, livellatelo e mettetelo in frigorifero a rassodare per almeno due ore.
Sformate il paté e servitelo con su del pane di grano saraceno alle noci tostato e disponete sopra al paté una sottile fetta di lardo. 



Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo