Passa ai contenuti principali

Girelle con salsiccia, porri e pomodorini di Luci (con lievito liquido)

Al raduno MTC di Napoli ho conosciuto un trio di squinternate, Sara, Vale e Luci.
Le osservavo da un po', ogni tanto sbirciavo i loro blog ma non avevo mai avuto il tempo di approfondire.
E' bastata una serata intorno ad un tavolo per innamorarmi di loro e per sentire la loro mancanza, spesso e volentieri.
Oggi Sara è diventata mamma e quindi il gineceo delle squinternate ha un nuovo membro ad honorem.
Benvenuta piccola Marta.

Queste girelle le ho copiate da Luci del blog Le ricette di Luci, lei ha fatto un ripieno che adoro con salsiccia e friarielli, io le ho preparate per la festicicola di compleanno di mia figlia, non potevo osare troppo. 


Ingredienti:
per l'impasto:
230 g di farina
150 g di latte intero
70 g di lievito liquido oppure 6 g di lievito di birra
4 g di miele
7 g di olio extra vergine di oliva
5 g di sale

Per il ripieno:
400 g di salsiccia di maiale
1 cipollotto
1 porro
200 g di pomodorini datterino



Mettere il lievito in una terrina capiente, aggiungere il latte tiepido e sciogliervi bene il lievito. Aggiungere il miele, la farina, il sale e mescolare. Aggiungere infine l'olio emulsionato con un cucchiaio di latte preso dal totale della ricetta e continuare ad impastare sulla spianatoia per 10-15 minuti fino a che risulti liscio e omogeneo o, come me, fate fare il lavoro pesante alle forti braccia della planetaria.
Formare una palla, coprire con la pellicola trasparente e lasciar lievitare per 3 ore in luogo asciutto. A questo punto sgonfiare l’impasto e stendere leggermente la pasta a formare un rettangolo e procedere con una serie di pieghe. Lasciar riposare per un'ora.
Nel frattempo preparare il ripieno. Affettare finemente il porro e il cipollotto e farli appassire dolcemente in un giro d’olio extravergine. Aggiungere la salsiccia privata del budello e sbriciolata e una volta rosolata sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco secco.
Aggiungere infine i pomodorini e continuare la cottura per 5 minuti. Mettere da parte a raffreddare.
Stendere l'impasto con il mattarello fino a formare un rettangolo di 4 mm di spessore della lunghezza di circa 40x30 cm, cospargere con il condimento di salsiccia e porri e pomodorini e finire con abbondante formaggio grattugiato, arrotolare nel senso della lunghezza, tagliare delle fette di circa 2-2,5 cm e disporle su una teglia rivestita di carta da forno tenendo le fette distanti l'una dall'altra circa un centimetro. Coprire con la pellicola e far lievitare per circa 5 ore (il tempo dipende da quanto è arzillo il lievito e dalla temperatura dell’ambiente).
Infornare a forno statico preriscaldato a 200°C per 25/30 minuti.
Sfornare e lasciare raffreddare su una gratella prima di servire.


Commenti

  1. Grazie tesorooooo..... è stata empatia al primo sguardo 😍😍😍😍😍😍...oggi è stato un giorno speciale e con questa sorpresa lo hai reso ancora più speciale!!!! Sono contenta che ti siano piaciute le mie girelle ..un bacio fortissimooooo

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Torta salata ligure alle melanzane e Prescinseua

Sabato sera sono stata a casa del mio amico Matteo.  Dopo un periodo pieno di dubbi e di ricerca di soluzioni ideali è riuscito a trovare una casetta bellissima, in un posto tranquillo, con il bosco alle spalle e un'ampia vista di fronte. Una casa a misura d'uomo, intima, su più livelli, con un grazioso soppalco che si affaccia sull'accogliente sala da pranzo e un terrazzino per guardare il cielo stellato.
Una casa condivisa con la persona che tanto ha aspettato e che finalmente lo ha preso per mano per iniziare questo cammino insieme. E finalmente siamo stati a cena nella loro casa, la serata è stata rallegrata con una buona bottiglia di vino e del cibo semplice ma delizioso. Io ho dato il mio piccolo contributo con questa torta salata svuota freezer. Lo avevo riempito prima di partire per la Sicilia, con una valanga di melanzane cotte la mattina prima di prendere l'aereo e con la prescinseua che mi aveva regalato Alessandra, per non parlare della pasta all'olio che …