Passa ai contenuti principali

Crostata Bounty

Sabato tutta la Valle Imagna era in festa.
Si celebrava il giorno della Madonna Addolorata della Cornabusa, un bellissimo Santuario ricavato in una grotta carsica naturale.
La valle era costellata di lumini accesi fuori dalle finestre e dai balconi e di falò, nei campi e in zone non boschive, c'era una bellissima atmosfera di attesa e presenza.


In periodi normali il santuario viene raggiunto da 3 fiaccolate distinte, che partono da altrettanti paesi valligiani: gli abitanti di Costa Imagna dal sentiero alto, quelli di Cepino dal sentiero basso e infine gli abitanti di Sant'Omobono dal sentiero tra i boschi. All'arrivo delle tre fiaccolate si celebra la messa e poi vengono sparati i fuochi d'artificio.

Visto che dal nostro giardino si ha una bellissima visuale del Santuario, abbiamo invitato a cena alcuni amici in attesa di vedere i fuochi.
Lo spettacolo è stato molto suggestivo, i fuochi sono durati a lungo ma c'è stato un epilogo non propriamente auspicato.
Il bosco di fianco al Santuario ha preso fuoco e subito si sono mobilitati i mezzi di soccorso per spegnerlo. Il mattino seguente è intervenuto anche l'elicottero per terminare l'opera. 

Ph. Filippo Manini

La nostra serata però si è conclusa benissimo, con questa fantastica crostata al cocco impreziosita da una decorazione di frutti di bosco.

La ricetta originale è di @fiordipistacchio, trovata su Instagram da Dauliana del blog Cucchiaio e Pentolone, poi da lei leggermente rivisitata. 
Siccome qualsiasi cosa quella donnina tocchi, viene trasforma in oro, ho ceduto e ho copiato pari pari tutte le sue indicazioni. Mi sono solo permessa di aggiungere dei frutti di bosco per renderla un po' carina, perché in montagna non è che ho stampi e attrezzatura di ogni genere, mi son dovuta accontentare di quel che c'era, compreso il poco tempo.


Per la frolla (abbondante):
350 g di farina 00 
40 g di cacao amaro 
200 g di burro freddo
100 g di zucchero a velo 
1 uovo 
1 pizzico di sale
 
Montate il burro con lo zucchero, aggiungere l'uovo poi aggiungete la farina, il cacao e il sale precedentemente miscelati, lavorate velocemente, avvolgete nella pellicola e riponete in frigorifero almeno per un paio d'ore.
 
Per la crema frangipane al cocco:
100 g di burro 
100 g di cocco rapè
80 g di zucchero  
1 uovo  
1 pizzico di sale
 
Montate il burro con lo zucchero, aggiungete l'uovo e montate ancora fino ad incorporarlo bene, unite il cocco e il sale, tenete da parte al fresco.
 
Per la ganache senza panna:
150 g di cioccolato fondente 
70 ml di latte 
1 cucchiaino di burro 
1 cucchiaino di miele

Per decorare:
cocco rapè
frutti di bosco misti
mentuccia fresca
 
Scaldate il latte con il miele e il burro, versate sul cioccolato tritato e mescolato fino a completo scioglimento.
Prendete la frolla e stendetela ad uno spessore di circa 5 mm, foderate lo stampo che avete scelto, io una tortiera con fondo amovibile da 26 cm, punzecchiate il fondo con una forchetta e cuocete a 170°c per 15/20 minuti, estraete la crostata dal forno, fate intiepidire e spalmate la crema al cocco, terminate la cottura per altri 15 minuti.
Quando la crostata è fredda versatevi la ganache.


Un dettaglio della decorazione


La fetta

Commenti

  1. È bellissima e sono certa anche molto molto buona e anche alleggerita con quella ganache senza panna, complimenti 👏

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo