Passa ai contenuti principali

Kartner Reindling carinziano con licoli

Ho un post-it attaccato sulla lavagna della cucina da quasi 3 anni.
Un pizzino giallo ormai consunto con la ricetta di questo fantastico lievitato austriaco datami dalla mamma della mia amica Chris.
Non so quante volte mi ero ripromessa di farla, ma poi non so perché, non la facevo mai. E poi finalmente un giorno mi sono decisa... 
Sono passati mesi ormai, da quando avevo promesso di scrivere la ricetta e fare un post con l'unica foto decente scattata con il cellulare, lo so, non è il massimo, ma per stavolta cercate di badare alla sostanza e non alla forma.
Fate questo stupendo lievitato prima che il freddo ci abbandoni perché poi, sono certa, che lo rifarete in piena estate, per non sentirne troppo la mancanza.
Io lo mangiai un sabato di inizio settembre, qualche anno fa; si festeggiava il compleanno di Paolone e di suo figlio Michy, e la mamma di Chris, o nonna di Michy o suocera di paolo, come meglio credete, si presentò con almeno 5 Reindlingen e un pentolone di Kirchtagssuppe (prima o poi farò anche la zuppa e vi scriverò la ricetta). 
Fu un successone, penso anche che ne portai a casa una bella porzione, di quello che era avanzato.

Per uno stampo da plum cake

Per l'impasto:
500 g di farina 00
100 g di licoli attivo
100 g di burro
250 ml  di latte
1 uovo intero e 1 tuorlo
50 g di zucchero
1 cucchiaino di sale
Per il ripieno:
50 g di burro
100 g di zucchero
2 cucchiai di cannella
100 g di uvetta
50 g di noci

Sciogliete il levito nel latte tiepido. 
In una ciotola, mescolate la farina con lo zucchero, fate un buco al centro e versatevi il lievito; cominciate a lavorare l'impasto aggiungendo a mano a mano le uova, il burro a tocchetti e in ultimo il sale. 
Lavorare il tutto per qualche minuto, in modo che tutti gli ingredienti si amalgamino bene. Preparato l’impasto, fatelo lievitare fino al raddoppio ben coperto, lontano da correnti d'aria.
Mescolate lo zucchero con la cannella, poi unite le polveri al burro lasciato a temperatura ambiente, fino ad avere una crema. 
Stendete l’impasto fino a raggiungere 0,5 cm di spessore. spalmate sulla superficie la crema al burro e cospargetelo di uvetta e noci. 
Arrotolate l'impasto su sé stesso dal lato lungo e mettetelo in uno stampo ben imburrato. 
Coprite con un canovaccio e rimettere a lievitare, finché non raddoppia di volume. Infornate a 180° C per circa 30 minuti. 
Lasciate raffreddare 10 minuti poi toglietelo dallo stampo e fatelo raffreddare su una gratella. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo