Passa ai contenuti principali

Frittelle della mia Vigilia

Il suolo era coperto di neve bianchissima.
Finalmente dopo tanti anni di assenza la neve era tornata a cadere abbondante la Vigilia di Natale. I pochi fiocchi iniziali non facevano ben sperare ma poi era diventata sempre più fitta e sempre più leggera e dapprima le macchine e poi anche le strade ne erano state ricoperte.
La scuola era chiusa da un paio di giorni, i compiti delle vacanze non erano ancora nei miei pensieri e le giornate passavano lente alla ricerca di qualcuno con cui giocare.
La zia si era appena trasferita, prima abitava al piano di sopra e la sua porta sempre aperta con la maniglia ormai lenta era la cosa che mi mancava di più, non potevo più fare di corsa la rampa di scale che separava i nostri appartamenti, in ciabatte, a volte anche in pigiama. La scocciatura più grande adesso era vestirsi e arrivare fino in fondo alla strada.
Le mie impronte mi seguivano, i miei piedi sprofondavano nella neve ormai alta dieci centimetri e il mio respiro avvolto dal calore della sciarpa mi inumidiva le guance.
La porta non era chiusa a chiave e il familiare calore della sua casa era rimasto lo stesso.
Era la Vigilia di Natale e i preparativi per il cenone erano già iniziati, la zia era ai fornelli, le cozze ripiene e legate, le seppie nel sugo, i carciofi tagliati e pronti ad essere tuffati nella pastella morbida e avvolgente.
I miei cugini mi stavano aspettando per andare in giardino, ma io non riuscivo ad allontanarmi dall’ingresso della cucina, ero appoggiata allo stipite della porta che la zia ogni tanto riverniciava con lo smalto bianco e la osservavo mentre svuotava il sacchetto della farina nella ciotola e schiacciava le patate appena bollite e ancora fumanti; tra poco le sua mani avrebbero iniziato ad impastare con energia.
L'onore di portare la ciotola sul letto e avvolgerla nella coperta di lana per il riposo era stato tutto mio.
Appena arrivata in giardino una palla di neve lanciata con forza mi aveva colpito dritta in faccia: mi era stata dichiarata guerra.
La battaglia era durata poco e ovviamente l'avevo persa ma in casa, al caldo, la ricompensa sarebbe stata per tutti.
La zia stava finendo di prelevare l'impasto con il cucchiaio per tuffarlo nell'olio bollente ma la mia mano svelta aveva già agguantato e portato alla bocca una palla calda e croccante.
La montagna di frittelle diminuiva proporzionalmente all'aumentare delle persone che entravano in cucina, le aspettavamo per un anno intero e ne eravamo tutti molto golosi. Nonostante tutto sapevo che non sarebbero finite e che quelle avanzate le avremmo mangiate a colazione, poco prima di aprire i regali, la mattina di Natale.



Ingredienti:
500 g di farina 
400 ml di acqua
1 patata grande
7 g di lievito fresco
10 g di sale
olio per friggere

Mettere la farina a fontana in una capiente ciotola, schiacciarvi nel mezzo una patata bollita ancora calda (io l'ho cotta con la buccia per 7 minuti al microonde alla massima potenza), aggiungere un po' di acqua tiepida in cui avremo fatto sciogliere il lievito e iniziare ad impastare. Aggiungere il sale e continuare ad aggiungere acqua fino ad ottenere un impasto molto morbido ed appiccicoso. Impastare energicamente per una decina di minuti.
Coprire con pellicola e far lievitare in un posto caldo e asciutto fino al raddoppio.
Portare a temperatura l'olio, prelevare l'impasto con il cucchiaio e farlo cadere nell'olio ormai caldo e friggere rigirando le frittelle a metà cottura.
Scolare le frittelle ben dorate e farle asciugare su carta assorbente da cucina.

Le frittelle sono buonissime mangiate da sole, come aperitivo, o possono essere un accompagnamento per un piatto di salumi e formaggi. 

Oggi il Calendario del cibo celebra la giornata dei piatti della Vigilia. Queste frittelle fanno parte della del mio Natale da che io ricordi e sono felice di averle preparate per la prima volta per farvele conoscere, condividendo i miei ricordi di bambina. E' stato emozionante ritrovarne il gusto e la consistenza anche nella mia cucina.



Commenti

  1. Chiara, ti ho rivisto bambina, nella neve e poi al tepore, ladra di frittelle.
    Un abbraccio, e auguri!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Torta salata ligure alle melanzane e Prescinseua

Sabato sera sono stata a casa del mio amico Matteo.  Dopo un periodo pieno di dubbi e di ricerca di soluzioni ideali è riuscito a trovare una casetta bellissima, in un posto tranquillo, con il bosco alle spalle e un'ampia vista di fronte. Una casa a misura d'uomo, intima, su più livelli, con un grazioso soppalco che si affaccia sull'accogliente sala da pranzo e un terrazzino per guardare il cielo stellato.
Una casa condivisa con la persona che tanto ha aspettato e che finalmente lo ha preso per mano per iniziare questo cammino insieme. E finalmente siamo stati a cena nella loro casa, la serata è stata rallegrata con una buona bottiglia di vino e del cibo semplice ma delizioso. Io ho dato il mio piccolo contributo con questa torta salata svuota freezer. Lo avevo riempito prima di partire per la Sicilia, con una valanga di melanzane cotte la mattina prima di prendere l'aereo e con la prescinseua che mi aveva regalato Alessandra, per non parlare della pasta all'olio che …