Passa ai contenuti principali

Tortino di alici, patate e zuccchine

Oggi mi è sembrato di fare un salto nel passato, stamattina, dopo un'abbondante colazione a base di cheesecake, biscotti con la marmellata, cereali al cioccolato con lo yogurt, ho preso il treno per andare a Laveno Mombello. 
Gente strana in quel di Laveno, appena arrivati ci siamo imbattuti in un omino assai stravagante, pelato, con i baffi grigi, un vestito in maglina blu, delle collant nere e delle fantastiche scarpe beige tacco 10!!! La Festa della Repubblica Italiana viene festeggiata in modi strani a volte. 
Appena usciti dalla stazione ci avviciniamo scherzosamente ad un cartello "Informazioni turistiche" sotto il quale erano seduti due simpatici vecchietti, chiediamo informazioni sul luogo e uno dei due, munito di laringofono, passa i dieci minuti successivi a darci dritte sui mezzi di trasporto locali. 
A quel punto ci avviciniamo alla biglietteria per informarci sui costi del traghetto per raggiungere la vera meta del viaggio di oggi, l'Eremo di Santa Caterina del Sasso, e ci accoglie un altro personaggio eccentrico del luogo che ci teneva a pubblicizzare le bellezze del posto: la funivia e il parco del castello. Abbatte anche tutte le nostre speranze, cioè che l'Eremo è raggiungibile da Laveno via lago o con il pullman!!! Fantasia, al momento o fai il giro completo del lago Maggiore passando dalla Lombardia al Piemonte per poi tornare in Lombardia per la modica cifra di 19 euro a cranio oppure l'unica soluzione è fare quasi 7 km a piedi (all'inizio ce l'aveva venduta per 5!) sul provinciale con le infradito che ti scavano la pelle. 
Noi siamo stati più coraggiosi e qui scatta il salto nel passato, oggi abbiamo scoperto che in provincia di Varese c'è un sacco di gente accogliente che non ha paura degli autostoppisti. L'ultima volta che ho fatto l'autostop avevo poco più di vent'anni e ho fatto da Brno (CZ) a Karlsruhe (D) con il mio amico Dusan, un viaggio durato 2 giorni, davvero indimenticabile :-) 
Comunque, dato che anche le chiese chiudono per pranzo, cosa fare nell'attesa che passino quasi 3 ore prima che riaprano? Noi abbiamo subito addocchiato un cartello sulla strada "Festa della solidarietà" di Leggiuno con pesce di lago e polenta. Ancora una volta abbiamo avuto fortuna, efficienza, una bellissima accoglienza, bambini inesauribili, alpini infaticabili e ottimo cibo, ho mangiato una buonissima "trota spaccata" alla griglia con polenta, accompagnata da un sano bicchiere di vino bianco :-P
All'Eremo poi ci siamo andati, dopo aver camminato più di 2 km a piedi scalzi, ho ringraziato il cielo per l'ascensore che hanno installato nel 2010 scavando un enorme buco nella roccia, penso che a fare tutti gli scalini non ce l'avrei fatta e ringrazio il cielo anche per il gentilissimo signore che ci ha evitato di percorrere i 7 km per tornare alla stazione di Laveno Mombello, raccattandoci per strada.
Cosa c'entra tutto questo con il tortino di alici? Niente, ma la giornata è stata molto particolare e ve la volevo raccontare. :-)


Ingredienti per 2 persone:
400 g di alici 
4 patate medie
3 zucchine
50 g di pangrattato
40 g di parmigiano grattugiato
foglie di salvia
1 rametto di rosmarino
olio evo
sale, pepe

Far bollire le patate con la buccia in acqua salata, una volta cotte sbucciarle e affettarle. Affettare anche le zucchine, se possibile raccolte nell'orto :-) e scottarle per un paio di minuti nella stessa acqua delle patate.
Pulire le alici eliminando la testa, le interiora e la lisca centrale, lavarle molto bene e asciugarle  disponendole a libro tra due fogli di carta assorbente.
Frullare il pane, il formaggio, il rosmarino, la salvia, sale e pepe fino ad ottenere un trito abbastanza fine e ben amalgamato.
Ungere una teglia a bordi alti con dell'olio evo, fare uno strato di zucchine, uno di alici, uno di patate, spolverare con il trito abbondantemente e irrorare con olio evo, ripetere l'operazione e infornare per 30 minuti a 180°.

Commenti

  1. Ma che bella gita che avete fatto! E questo tortino che dire, appena nascono le zucchine nell'orto di mio suocero.... :-) Baciotti

    RispondiElimina
  2. che buona, mi piacciono le alici, sono anche il pesce più economico che trovo... bella ricetta ciao marica

    RispondiElimina
  3. Che bell'avventura, beati voi!!!! In quanto al tortino, dev'essere assolu-tamente gustoso.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo