Passa ai contenuti principali

Zuppa di formaggio della famiglia Block (Käsesuppe)

L'amore per questo piatto è sbocciato quasi 16 anni fà... frequentavo il 4° anno di un linguistico sperimentale e in programma, nel mese di marzo, c'era un viaggio di ben 2 settimane all'estero. Noi studiavamo 3 lingue: inglese, tedesco e francese e quindi il viaggio era stato organizzato a Londra, Berlino e Parigi. All'epoca ero una ragazzina innamorata in modo viscerale della Germania, c'ero stata l'estate prima con la mia amica Steffi, a fare un campo di lavoro (avventura che racconterò in altre occasioni) e la voglia di tornare era davvero tanta e il fatto di poter dichiarare la mia preferenza per una delle 3 città, mi aveva fatto ben sperare.
La classe era divisa tra le amanti del francese (poche) e le amanti del tedesco (ancora meno), l'inglese lo masticavano un pò tutte, quindi quello era il campo neutrale... ma quella volta qualcosa andò storto, per me, ovviamente!
Parigi aveva 6 candidature, ovviamente tutte le amanti del francese non avevano deluso le aspettative, io, manco a chiederlo, mi ero candidata per andare nella bella Berlino, che l'estate prima avevo visto solo di sfuggita,  ma la cosa incredibile è che per Londra, dove era più ovvio voler andare per uno stage linguistico in 4° superiore, le richieste erano solo un paio, tutte si erano incaponite con Berlino, incredibile!
La faccio breve, alla fine tutte erano già state a Londra o in altri paesi anglosassoni a studiare l'inglese, io invece no, ero stata proprio in Germania, solo io e un'altra compagna e quindi io sono stata esclusa dalla lista per Berlino, per dare la possibilità ad altre di fare la loro esperienza con la lingua tedesca. E mi sono ritrovata a Londra. MISCHINI!!!!!!
Non che mi sia trovata male, anzi, ero in una famiglia deliziosa, madre e figlia originarie dei Caraibi, cibo buonissimo, accoglienza strepitosa, ma l'amaro in bocca del mancato viaggio nella capitale tedesca, è rimasto.
Perché ho raccontato proprio questa grande delusione del passato? Perché la mia amica Steffi, che frequentava un'altra sezione della stessa scuola, a Berlino ci andò e fu ospitata da una famiglia strepitosa, la famiglia Block.
Gerd e Christa Block... ho avuto occasione di conoscerli l'inverno successivo, ero a Berlino per il Capodanno e avevano invitato Steffi per un caffè, per un saluto, dopo aver passato insieme 15 giorni bellissimi la primavera precedente e giusto per dimostrare la loro sconfinata generosità, durante quella mezzora di chiacchiere imbarazzate (il tedesco lo masticavo ancora poco), mi avevano già proposto di aggregarmi a Steffi e Stefy (si son 2 e le distinguo così) per passare da loro qualche giorno a settembre.
Quell'estate ci andai, furono 15 giorni meravigliosi... finalmente qualcosa in tedesco la riuscivo a spiaccicare... poi Berlino, una città strabiliante, sotto tutti i punti di vista... poi Gerd e Christa non ci avevano offerto un'ospitalità meravigliosa, di più, ci avevano fatto entrare nella loro numerosa famiglia e ne facciamo parte ancora oggi.
Da quel caffè del 1996 sono passati tanti anni e a Berlino ci sono stata tantissime volte, tutte noi ci siamo state, a volte insieme, spesso da sole, a volte con nostri amici o fidanzati, per improvvisate di un weekend o per periodi più lunghi... e loro sono venuti in Italia, hanno conosciuto le nostre famiglie, ci sono venuti in vacanza, hanno partecipato a nostri (bè, il mio ancora no) matrimoni e non siamo mai stati lunghi periodi senza vederci, anche solo per un giorno. 
Spesso, quando vado a Berlino, viene preparata questa zuppa, gli "sciuri" (come li abbiamo affettuosamente soprannominati) sanno che è la mia preferita e non mi deludono mai, la preparano sempre con amore e io non li deludo mai, la mangio sempre con amore. :-D

















Ingredienti per 6 persone:
500 g di carne trita
5 porri
4 peperoni
200 g di formaggio spalmabile
200 g di formaggio spalmabile alle erbe
100 g di panna da cucina
1 lt di brodo vegetale

Lavare e tagliare i porri a rondelle (solo la parte bianca) e i peperoni, privati dei loro semi, a tocchetti piccoli. Metterli in un tegame con la carne trita e far cuocere a fuoco lento. Bagnare di tanto in tanto con il brodo. 
Aggiungere i formaggi amalgamando bene e portare a ebollizione. Cuocere per 20 minuti. All'ultimo aggiungere la panna e servire calda, accompagnando con i Brezel.

Il formaggio spalmabile si trova facilmente alla Lydl, i Brezel, invece, li trovate sulle bancarelle dei mercatini di Natale :-P

Ecco la ricetta originale:

























E siccome è una zuppa che tutti, prima o poi, dovrebbero mangiare nella vita, partecipo al Contest di Lucy di ...ti cucino cosi... Minestre e Zuppe.


e al contest del blog della Titti Un goloso souvenir

Commenti

  1. assolutamente sono proprio curiosa di provare la tua ricetta.ma perchè tu al liceo linguistico avevi questa possibilità e io che l'ho fatto anche io manco a parlarne?!uffi!

    RispondiElimina
  2. la nostra scuola era una figata!
    come questa ricetta, brava gigia!

    RispondiElimina
  3. @Lucy:era un istituto tecnico per il turismo e linguistico moderno... forse in quel moderno, stava tutta la sua bellezza :-)
    @Subsina:che te lo dico a fare?

    RispondiElimina
  4. il formaggio fuso.. mi fa impazzire!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Torta salata ligure alle melanzane e Prescinseua

Sabato sera sono stata a casa del mio amico Matteo.  Dopo un periodo pieno di dubbi e di ricerca di soluzioni ideali è riuscito a trovare una casetta bellissima, in un posto tranquillo, con il bosco alle spalle e un'ampia vista di fronte. Una casa a misura d'uomo, intima, su più livelli, con un grazioso soppalco che si affaccia sull'accogliente sala da pranzo e un terrazzino per guardare il cielo stellato.
Una casa condivisa con la persona che tanto ha aspettato e che finalmente lo ha preso per mano per iniziare questo cammino insieme. E finalmente siamo stati a cena nella loro casa, la serata è stata rallegrata con una buona bottiglia di vino e del cibo semplice ma delizioso. Io ho dato il mio piccolo contributo con questa torta salata svuota freezer. Lo avevo riempito prima di partire per la Sicilia, con una valanga di melanzane cotte la mattina prima di prendere l'aereo e con la prescinseua che mi aveva regalato Alessandra, per non parlare della pasta all'olio che …