Passa ai contenuti principali

Torta albero di Natale al cioccolato

Lo so che Natale è finito, ma non ho resistito.
Ieri è stata a casa nostra Martina, un'amichetta di Irene, una bimba davvero adorabile. Le tre biondine hanno giocato tutto il giorno praticamente senza farsi sentire, tra canti, balli, interviste, giochi con le carte e compiti.
Dopo tutte queste attività non potevamo esimerci dal preparare un bel dolce per la merenda e ho pensato che un albero di Natale poteva ancora fare al caso nostro.
Avevamo gli zuccherini per fare le palline e il colorante per colorare la grassa di verde, sì, insomma è stato un bellissimo gioco di squadra e ciò che ne è uscito, è un vero capolavoro.


Per uno stampo da 20/22 cm:
250 g di farina
180 g di zucchero
150 g di cioccolato fondente
100 g di burro
4 uova
1 bustina di lievito per dolci
40 g di mascarpone
Per la glassa:
Zucchero a velo q. b.
Colorante alimentare verde
Zuccherini a forma di palline di Natale

Ingredienti per una teglia da 20/22 cm:
Mettete il cioccolato a bagnomaria o nel microonde per 3 minuti a 600 watt fino a che sarà sciolto e cremoso.
Unite il burro e mescolate in modo che si sciolga con il calore del cioccolato.
Mettete le uova intere e lo zucchero in una ciotola e montatele con le fruste elettriche fino a che otterrete un composto bianco e spumoso.
Unite al composto di uova anche il cioccolato e burro tiepidi, il mascarpone e mescolate.
Per ultime aggiungete anche la farina e il lievito setacciati e mescolate delicatamente in modo da non sgonfiare troppo l’impasto.
Imburrate e infarinate uno stampo e versate livellando la superficie.
Infornate a 180° per 40 minuti.
Preparate la glassa mettendo un paio cucchiaini di acqua nello zucchero a velo, andate ad occhio, la glassa non deve essere liquida, ma abbastanza densa e bianca.
Prelevate 3/4 della glassa ottenuta e mettetela in un'altra ciotola e aggiungete una goccia di colorante alimentare verde e mescolate bene.
Con un pennello spalmate la glassa verde sulla superficie dell'albero, poi, negli spazi tra un ramo e l'altro, spennellate con la glassa bianca, per fare l'effetto neve.
Infine attaccate gli zuccherini a forma di pallina di Natale.



Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

La peka di agnello e Croazia (parte III)

La nostra settimana in Dalmazia è finita ormai da qualche giorno, ma il ricordo è ancora molto vivo. Il penultimo giorno, dopo esser riusciti a fatica ad uscire dall'isola di Ciovo dove alloggiavamo (coda di 1 ora per fare 1 km), ci siamo diretti a Zadar, abbiamo fatto un giro veloce per il centro storico, che non ci ha particolarmente conquistati e poi abbiamo subito ripiegato per il parco nazionale di Krka.  Dopo aver lasciato la macchina  abbiamo attraversato il piccolo e delizioso paesino di Skradin, finalmente qualcosa alla nostra misura, la gioia di trovare un panettiere invece che i soliti negozi di souvenir, e di poter placare la fame mangiando una buona pizza camminando verso l'imbarco del traghetto. E poi è stato amore vero, il traghetto ti porta in un mondo lontano, si passa sotto ad un ponte dove i ragazzi si tuffano lanciandosi con una corda e poi le cascate, così vicine che quasi si possono toccare e la sensazione di essere al centro della terra. Il par