Passa ai contenuti principali

MysTery Cloche: Cannoli di riso al caffè e mousse di triglia

Il mese scorso non mi sono classificata. 
Sapevo di non aver perfettamente centrato il tema della prova creativa della sfida n°72 di MTChallenge, la mia tortilla per Mai... ma si sa, al cuor non si comanda e alla testardaggine neppure, quindi è stato un mezzo fallimento, ma sono felice di quello che ho fatto.

La delusione scottante, però, mi ha fatto incaponire ancora di più e nonostante io sia già all'interno della classe perché membro della redazione, ci tenevo a dimostrare a me stessa sarei potuta entrare in classe anche per merito. 
Ai posteri l'ardua sentenza!


Cannoli di riso al caffè e mousse di triglia e pistacchi



Scoperchiamo la MysTery Cloche!


Ci sono stati dati 7 ingredienti principali tra cui scegliere: fragole, riso, triglie, faraona, caffè, limone, pistacchio



Per comporre il nostro piatto ne dovevamo utilizzare almeno 4, in più, avevamo accesso ad una dispensa: olio, burro, farina di granozuccherosaleuova di gallinaerbe (fresche e secche) spezie1 cipolla, 1 carota, 1 gambo di sedano, aglio, gelatina o colla di pesce, vino e/o alcoolici, aceto, latte, panna.
In questa prova potevamo dar sfogo alla creatività e qui il primo campanellino d'allarme e il grillo parlante che mi intimava di non lasciarmi prendere la mano. 
E quindi ho scelto i miei ingredienti e ho ideato un piatto semplice. Sono stata tentata di aggiungere elementi, ma poi ho lasciato solo la struttura del piatto, senza fronzoli.

Per la mousse di triglia alla cedrina e melissa
Per la marinatura:
150 g di filetti di triglie
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
10 foglie di cedrina
5 foglie di melissa
10 bacche di coriandolo, pestate
succo di 1/2 limone
sale e pepe
20 ml di Vermouth bianco
80/100 ml di panna fresca, montata

Deliscare i filetti di triglie e metterli all'interno di un piatto con l'olio, il succo di limone. Cospargere con foglie di melissa e cedrina e con le bacche di coriandolo pestate. Condire con sale e pepe e lasciar riposare in frigorifero per almeno 2 ore.
Versare un filo d'olio in una padella e cuocervi le triglie per 3 minuti. Sfumare con il Vermouth e il succo della marinata e far completamente evaporare. Spegnere il fuoco e far raffreddare completamente.
Mettere le triglie e i liquidi di cottura nel bicchiere del frullatore e frullare fino ad ottenere un composto liscio e spumoso.

Unire la panna montata, mescolando delicatamente con una spatola e mettere in frigorifero a rassodare per almeno 1 ora.


Per il riso cannolo di riso al caffè
100 g di riso Arborio
1 cucchiaio abbondante di caffè solubile
sale
1 albume

Mettere il riso in una pentola col fondo spesso e coprire con acqua circa 2 cm dal riso. Portare a bollore poi coprire, abbassate la fiamma e cuocere per 10-12 minuti.
Una volta cotto, stendere il riso su una teglia rivestita di carta forno e far asciugare in forno a 85° per 2 ore.
Ritagliare dei pezzi di carta forno in modo che il vostro cilindro per cannoli venga completamente avvolto.
Stendere un pezzo di pellicola trasparente su una tovaglietta di bambù, distribuire un parte del riso formando un rettangolo della stessa grandezza dei ritagli di carta forno, compattandolo bene. Coprire con il ritaglio di carta forno e arrotolare sul cilindro per cannoli, premendo più volte con l'aiuto della tovaglietta e creando una caramella stretta stretta con la pellicola. Mettere in freezer per 30 minuti. 
Eliminare la pellicola, spennellare il riso con albume d'uovo sbattuto e friggere in olio profondo fino a doratura.
Per evitare che si attacchi alla padella adagiarlo sul fondo avvolto da un pezzo di carta forno.
Scolare e lasciar asciugare su carta assorbente. Una volta freddo, eliminare il cilindro e rimuovere il foglio di carta forno. (qualora la parte interna non risultasse perfettamente croccante, a me è successo con un cannolo, una volta eliminato il cilindro tuffarlo nuovamente in olio bollente per 1 minuto) 




Per finire il piatto
pistacchi tritati
foglie di cedrina

Trasferire la mousse di triglia in una tasca da pasticcere dotata di bocchetta a stella e riempire il cannolo. 
Spolverare le estremità con pistacchi tostati e salati e guarnire con delle piccole foglie di cedrina.

Con questa ricetta partecipo alla MisTery Cloche per MTC S-cool
.

Commenti

  1. Gustosissimi i tuoi cannoli ed interessante come anche tu abbia usato il riso in modo diverso da come ci si aspetterebbe
    immagino fossero molto gustosi ;)

    RispondiElimina
  2. La tecnica per preparare il cannolo sembra veramente laboriosa, ma il risultato è perfetto!

    RispondiElimina
  3. Tecnica notevole e splendido risultato ;-)

    RispondiElimina
  4. Wow! Chiara hai fatto un capolavoro!

    RispondiElimina
  5. Quanto lavoro dietro questi cannoli! La cedrina deve dare un non so che di paradisiaco! :-P

    RispondiElimina
  6. Però che preparazione! Complimenti 💪

    RispondiElimina
  7. Basta stimolarti un pochino e fai cose meravigliose (l'aggettivo non è caso ma studiato tra bellissime e stupende). I cannoli mi intrigano tanto anche per la presenza del caffè che io non ho avuto coraggio di usare. La cedrina ce l'ho in giardino e è tra le mie preferite. Brava Picoco.

    RispondiElimina
  8. No, va bene, quando mi sono trovato a leggere questa ricetta per valutarla senza sapere di chi fosse per non farmi influenzare ho pensato "Chi è questo genio?" :-)
    E guarda un po', eri tu :-)

    Fabio

    RispondiElimina
  9. Dov'è quella che non è in grado? :D :D :D

    RispondiElimina
  10. In Sicilia le "scorce di cannoli" si cuociono proprio così: prima in olio bollente con tutto il cannello, poi si toglie il cannello e si tuffano in olio per cuocere l'interno.
    Preparazione interessante e sfiziosa, tecnica impeccabile.
    Vorrei proprio assaggiarli!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Torta salata ligure alle melanzane e Prescinseua

Sabato sera sono stata a casa del mio amico Matteo.  Dopo un periodo pieno di dubbi e di ricerca di soluzioni ideali è riuscito a trovare una casetta bellissima, in un posto tranquillo, con il bosco alle spalle e un'ampia vista di fronte. Una casa a misura d'uomo, intima, su più livelli, con un grazioso soppalco che si affaccia sull'accogliente sala da pranzo e un terrazzino per guardare il cielo stellato.
Una casa condivisa con la persona che tanto ha aspettato e che finalmente lo ha preso per mano per iniziare questo cammino insieme. E finalmente siamo stati a cena nella loro casa, la serata è stata rallegrata con una buona bottiglia di vino e del cibo semplice ma delizioso. Io ho dato il mio piccolo contributo con questa torta salata svuota freezer. Lo avevo riempito prima di partire per la Sicilia, con una valanga di melanzane cotte la mattina prima di prendere l'aereo e con la prescinseua che mi aveva regalato Alessandra, per non parlare della pasta all'olio che …