Passa ai contenuti principali

Pappa al pomodoro di Francesca

Ieri mattina sono partita carica a mille, mi aspettavano poco più di tre ore di viaggio, direzione Pistoia.
Arrivo all'imbocco della tangenziale ovest di Milano e mi trovo davanti un muro, il navigatore segnala 40 minuti di ritardo sulla tabella di marcia. Torno indietro, devo attraversare la città per prendere l'autostrada, ma ogni incrocio è una lunga fila di macchine in coda. Le bambine cominciano a chiedere "siamo quasi arrivati?". Come spiegar loro che siamo in macchina da un'ora ma a meno di un chilometro da casa?
Arrivata a Pistoia imposto il navigatore con la via del b&b, in pieno centro, ho il pass per entrare nella ztl, peccato che  il navigatore mi faccia svoltare in una via pedonale e... non ci voglio pensare!
Io e Francesca ci siamo strette finalmente in un grosso abbraccio.
Intanto che le nostre bimbe giocavano, si misuravano con qualche piccolo litigio e poi si scioglievano in amorevoli coccole, io e Francesca abbiamo chiacchierato e preparato la pappa al pomodoro.
Durante la cena in terrazza ci siamo concesse l'illusione di un po' di relax bevendo uno spritz.
Grazie amica mia, per essere così, semplicemente tu.


Con questa ricetta a 3 mani e mezzo (il suo contributo è stato decisamente più determinante del mio) vogliamo partecipare alla giornata del Calendario del cibo italiano dedicata alla pappa al pomodoro


Ingredienti per 4 persone:
1 kg di pomodori
700 g di ottimo pane toscano (vecchio di 2/3 giorni)
3 spicchi d'aglio
Una manciata di foglie di basilico
brodo vegetale q.b.
Olio extravergine di oliva
Sale e pepe nero q.b.

Preparare un soffritto con dell'olio extravergine di oliva di ottima qualità e 3 spicchi d'aglio tritati, aggiungere qualche foglia di basilico spezzettato e poi i pomodori tagliati in quattro spicchi.
Far cuocere per circa mezz'ora girando di tanto in tanto.
Tagliare la pagnotta prima a fette spesse circa un centimetro e poi a striscioline.
Aggiungere un mestolo di brodo al pomodoro che sobbolle e poi cominciare ammollare i pezzi di pane.
L'importante è non metterli tutti insieme, metterne una manciata, bagnarli con poco brodo e poi iniziare a pestare il pane con la punta del cucchiaio di legno, in modo che si spezzi e che assorba la salsa. Continuare così fino ad averlo aggiunto tutto. Cuocere per 10 minuti e poi spegnere il fuoco e lasciar raffreddare.
Francesca consiglia di mangiarla il giorno dopo, quando tutti i sapori si saranno ben amalgamati.


Io l'ho trovata davvero spettacolare, saporita e ben equilibrata. La consistenza era perfetta, per niente viscida.
Indovinate dov'è finita quella avanzata?
Eddai, non potevo non farla assaggiare a Filippo, è stato solo per amore ;-)

Commenti

  1. Il cibo è unione e condivisione, quale se non la pappa al pomodoro riesce ad armonizzare i gusti e la gioia di cucinare assieme
    Avete riso, chiacchierato e cucinato assieme come se lo faceste tutti i giorni ne sono sicura perché siete persone speciali
    Un grande abbraccio a voi e un bacio ad ogni miss della foto per il loro splendore 😉😘😘😘😘

    RispondiElimina
  2. Questa si che è una ricetta del cuore e di amicizia! La tribù delle belle bionde dagli occhi azzurri son sicura che abbia apprezzato, compreso lo spritz ! Un bacio grande a tutte voi!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Torta salata ligure alle melanzane e Prescinseua

Sabato sera sono stata a casa del mio amico Matteo.  Dopo un periodo pieno di dubbi e di ricerca di soluzioni ideali è riuscito a trovare una casetta bellissima, in un posto tranquillo, con il bosco alle spalle e un'ampia vista di fronte. Una casa a misura d'uomo, intima, su più livelli, con un grazioso soppalco che si affaccia sull'accogliente sala da pranzo e un terrazzino per guardare il cielo stellato.
Una casa condivisa con la persona che tanto ha aspettato e che finalmente lo ha preso per mano per iniziare questo cammino insieme. E finalmente siamo stati a cena nella loro casa, la serata è stata rallegrata con una buona bottiglia di vino e del cibo semplice ma delizioso. Io ho dato il mio piccolo contributo con questa torta salata svuota freezer. Lo avevo riempito prima di partire per la Sicilia, con una valanga di melanzane cotte la mattina prima di prendere l'aereo e con la prescinseua che mi aveva regalato Alessandra, per non parlare della pasta all'olio che …