Passa ai contenuti principali

Pendolarismo inverso

Eravamo appena entrati in territorio croato dopo un lungo viaggio in notturna sull' A4. Ci lasciavamo alle spalle un periodo intenso e faticoso di esami e malattie e passare il confine fu come finire un libro e aprirne uno nuovo, con le pagine fresche e profumate.
La vacanza a Trogir è stato un nuovo inizio, poco dopo abbiamo saputo che sarebbe arrivata Irene e abbiamo cominciato a sopportare tutte le fatiche con una forza nuova.
È passato esattamente un anno da quel viaggio oltre confine, era esattamente la notte tra il 27 e il 28 luglio ed è stato solo un punto di partenza per un'infinità di doni ricevuti. 
Il primo è arrivato il 29 aprile con la nascita del nostro piccolo angelo, Irene.
Agli appassionati matematici non sfuggiranno le sue chiare origini croate (il fatto che la nonna materna sia nata li, stavolta poco importa).
Questi 3 mesi sono stati un susseguirsi di altre gioie immense, tra le tante, fondamentale non tralasciare dall'elenco il fatto di esser riusciti a dormire ogni notte e anche gran parte di ogni giorno.
Ed è grazie alla tranquillità e alla narcolessia della creatura, che il tunnel delirante nel quale ci siamo trovati nell'ultimo mese non è stato alla fine poi così terribile.

Ebbene si, il 13 luglio io e Filippo ci siamo sposati e abbiamo approfittato dell'occasione per battezzare Irene, è stata una giornata fantastica ed emozionante. Desideravamo una cerimonia semplice e una festa tra amici e non poteva andare meglio.
Giornata di sole, non troppo calda, ottima location per il pranzo, buon cibo, ottima musica, la porchetta... E tutte le persone che ci vogliono bene!

   
Il viaggio di nozze lo abbiamo fatto il weekend dopo, su e giù dall' 8° piano per traslocare in quella che, non scherzo, sarà la nostra casa per tutta la vita (traslochi, non mi avrete mai più!!!) 

Per fortuna ci è venuto in soccorso lo squadrone della morte dalla Valle Imagna, perché i traslochi in effetti erano due e noi avevamo un po' sottovalutato la situazione o sopravvalutato gli aiuti a disposizione, fatto sta che sono arrivati alle 7:30 e 2 ore dopo una delle 2 case era già completamente vuota!

2 giorni dopo...

Ieri abbiamo rogitato e abbiamo avuto la grandiosa idea di spostarci subito a dormire nella casa nuova.
Arriviamo a casa alle 19:30, passo dal supermercato a comprare una bottiglia di vino per festeggiare, salgo in casa, allatto e sono già le 20...
Intanto Filippo recupera accappatoi, culla, televisione, cavatappi dalla casa vecchia e io comincio a cucinare mentre lui bada ad Irene e sono già le 21...
Il piccolo angelo ha una crisi isterica, sarà l'altitudine, sarà che avverte la stanchezza di mamma e papà, fatto sta che piange invece di dormire come al solito e sono già le 21:30...
Si calma, la mettiamo sulla sdraietta accanto al tavolo mentre noi ci accingiamo a mangiare, la trota salmonata con patate e zucchine ha cotto per quasi mezzora in forno, la metto in tavola, ma le verdure sono ancora decisamente crude! e sono le 22...
Scendo al negozio di sotto a comprare un kebab e una pizza mentre Filippo cerca di calmare Irene, che nel frattempo è ricaduta nella sua crisi e sono le 22:30...

Finalmente riusciamo a sederci a tavola e berci il nostro agognato bicchiere di vino e intanto sono le 23...

Adesso cercherò piano piano di aprire gli scatoloni, sono sveglia dalle 7 e non sono ancora riuscita a trovare una tazzina per bere un caffè.


Buona giornata a voi!

* il senso del titolo di questo post ve lo racconterò a brevissimo... tenetelo a mente!

Commenti

  1. Tanti auguri a voi, e in bocca al lupo per lo svuotamento-scatoloni.....che incubooooo!!!!!!!!!!! :-DDD

    RispondiElimina
  2. Siete bellissimi, e raggianti!
    La stanchezza passa e poi si dimentica!
    Tanti tanti auguri!!!!!

    RispondiElimina
  3. siete una famiglia stupenda!
    sono d'accordo sui traslochi.. uno basta e avanza!!!!
    che vista che avete :)
    a presto, un bacio all'angioletto <3

    RispondiElimina
  4. ..siete bellissimi.. Auguri Un abbraccio GRANDEEEE e... figli (anche) maschi ;)
    a presto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo