Passa ai contenuti principali

MTC S-cool: IL RISOTTO... ALLA PARMIGIANA

Il risotto all’onda è sempre stato un mistero irrisolto per me, di quelli su cui ci si arrovella la mente senza mai la certezza del risultato, che comunque, qualsiasi esso sia, non si avvicina nemmeno lontanamente a quello sperato.
Il tema dell’ MTC S-COOL questo mese era proprio il risotto, con un’insegnante d’eccezione, la zia Giuly del blog La gallina vintage, che ci ha spiegato con dispense e un video girato per l’occasione, come fare un risotto degno di questo nome.
La prova consisteva nel preparare due risotti: uno classico alla parmigiana, che vi farò vedere tra pochissimo, per la parte tecnica e uno creativo allo zafferano, con base parmigiana e nostre successive varianti, che metterò in un post a parte nei prossimi giorni.
Seguendo tutte le spiegazioni, gli accorgimenti e guardando attentamente le manine d’oro di Giuliana in azione, sono riuscita a fare per la prima volta un risotto buono e cremoso, in cui i chicchi erano sodi e avvolti dalla cremina che si è formata durante l'energica mantecatura.


Per 4 persone:
Per il brodo di carne:
4 ossibuchi di vitello (solo osso)
2 rametti di rosmarino
2 rametti di salvia
3 foglie di alloro
sale grosso
5 grani di pepe nero 
Per il risotto:
400 g di riso Arborio
1 scalogno
70 g di burro
50 g di parmigiano grattugiato
1 bicchiere di Vermuth secco a temperatura ambiente
sale

Preparate il brodo di carne mettendo in una capiente pentola 1,5 l d'acqua e tutti gli altri ingredienti. Fate cuocere circa un'ora, schiumando le impurità che vengono a galla. Una volta pronto e filtrato, iniziate a preparare il risotto, mantenendo il brodo sempre caldo a portata di mano.
Tritate lo scalogno finemente al coltello e mettetelo a rosolare in una piccola casseruola con una noce di burro stando attenti che non bruci.
In una larga casseruola di rame o alluminio anodizzato sciogliere 20 g di burro e, quando inizia a fare schiuma, aggiungete il riso e fatelo tostare a lungo, mescolando continuamente, fino a quando non diventerà opalescente e traslucido.
Sfumate con il Vermuth (o vino bianco) e mescolate fino a totale evaporazione.
Unite il soffritto, poi versare il brodo caldo, poco alla volta e portate il risotto a cottura, mescolando di tanto in tanto.
Una volta cotto, spegnete il fuoco spostate la casseruola e fate riposare un paio di minuti.
A questo punto iniziate la mantecatura unendo il formaggio e il burro freddissimo.
Mescolate energicamente scuotendo la pentola avanti e indietro fino a quando il riso non sarà diventato cremoso e morbido.
Servite immediatamente.


Con questa ricetta partecipo alla prova tecnica della lezione sul risotto di MTC S-COOL

Commenti

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…