Passa ai contenuti principali

Cosce di quaglia caramellate su crema di asparagi e cialde di pecorino

Sono una donna testarda e determinata, quasi ostinata direi.
Sono un po’ patologica, amo incasellare cose, persone ed emozioni.
Non mi piacciono i cambi di programma, soprattutto se non giustificati da motivi seri e ancor di più se non riconducibili a scelte di me medesima.
Non è positivo, lo so, ma così ho il controllo e ho la netta sensazione che se lo perdessi diventerei un gran casino.
E non me lo posso permettere.

Dopo questo profilo da serial killer (o psicolabile), che manco Freud, passiamo alle cose serie.



Oggi è la giornata nazionale dell’ asparago del Calendario del cibo italiano e il mio contributo viaggia con un volo diretto Berlino-Alghero.




Ho scelto di tornare nella mia amata Germania e di utilizzare gli asparagi bianchi, li trovo più delicati della nostra versione con nuance verdi/violacee e quindi più adatti a non coprire il gusto delicato delle quaglie caramellate.

Ed ecco che arriviamo in Sardegna dove ad accoglierci c’è un cestino di pecorino sardo e il gusto dolce/amaro dell’abbamele, un decotto di miele e polline tipico delle cultura gastronomica dell’isola.

Ingredienti per 2 persone:
8 coscette di quaglia
700 g di asparagi bianchi
100 g di pecorino sardo dop grattugiato
8 foglie di salvia
1 cucchiaio di abbamele
2 cucchiai di panna 
sale affumicato della Danimarca
olio extravergine di oliva
1 noce di burro
sale e pepe

Lavare gli asparagi e pelarne i gambi con un pela patate.
Farli bollire in abbondante acqua salata in un pentolino alto e stretto con le punte verso l'alto fino a quando i gambi non saranno morbidi.
Nel frattempo lavare accuratamente le cosce di quaglia, eliminando i residui di piume, se necessario.
Mettere su ogni coscia di quaglia una foglia di salvia e farle cuocere a fuoco lento in una padella con un filo d'olio evo rigirando di tanto in tanto, fino a quando la pelle non sarà bella dorata.  
Togliere le foglie di salvia ormai croccanti e metterle da parte. 
Aggiungere un pizzico di sale affumicato della Danimarca, un cucchiaio abbondante di abbamele e far caramellare. 
Scolare gli asparagi, tagliarne le punte e frullare i gambi con due cucchiai di panna. Aggiungere sale e pepe e far asciugare in padella a fuoco vivo.
Passare le punte in una noce di burro e far cuocere per 5 minuti a fuoco vivo.
Scaldare un piccolo padellino, spennellarne la superficie con olio evo e cospargere di pecorino grattugiato. 
Una volta sciolto compattare i bordi esterni con con un cucchiaio di legno e cuocere per 2/3 minuti da entrambi i lati. Toglierlo delicatamente dalla padella e appoggiare in una piccola ciotola per dargli la forma.
A questo punto montare il piatto mettendo sulla base del cestino di pecorino la purea di asparagi, adagiare le coscette di quaglia e le punte di asparagi, bagnare con l'abbamele ed infine decorare con la salvia croccante.

Commenti

  1. Ecco questo é un piatto che vorrei davvero poter assaggiare! Brava la mia Gina!

    RispondiElimina
  2. qui, piu' che fra Germania e Sardegna, voliamo alti. Altro che il volo della quaglia... :)

    RispondiElimina
  3. ellapeppa! Un piatto da Gourmet..... lascia andare un po' il controllo ogni tanto però, che mi fai preoccupare....

    RispondiElimina
  4. Che buono, mi piacerebbe davvero farne una scorpacciata!! Un bascione

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Torta salata ligure alle melanzane e Prescinseua

Sabato sera sono stata a casa del mio amico Matteo.  Dopo un periodo pieno di dubbi e di ricerca di soluzioni ideali è riuscito a trovare una casetta bellissima, in un posto tranquillo, con il bosco alle spalle e un'ampia vista di fronte. Una casa a misura d'uomo, intima, su più livelli, con un grazioso soppalco che si affaccia sull'accogliente sala da pranzo e un terrazzino per guardare il cielo stellato.
Una casa condivisa con la persona che tanto ha aspettato e che finalmente lo ha preso per mano per iniziare questo cammino insieme. E finalmente siamo stati a cena nella loro casa, la serata è stata rallegrata con una buona bottiglia di vino e del cibo semplice ma delizioso. Io ho dato il mio piccolo contributo con questa torta salata svuota freezer. Lo avevo riempito prima di partire per la Sicilia, con una valanga di melanzane cotte la mattina prima di prendere l'aereo e con la prescinseua che mi aveva regalato Alessandra, per non parlare della pasta all'olio che …