Passa ai contenuti principali

Biscotti di granturco della Garfagnana

Spesso ci si innamora di un gusto mai provato prima appena questo tocca le nostre papille gustative, mi è capitato con questi biscotti di granturco, tipici della Garfagnana.
Filippo ne ha ricevuto in dono un pacco e nel giro di pochissimi giorni mezzo chilo di biscotti è finito nei nostri pancini.
Inizialmente ne mangiavo uno ogni tanto, quando il pane per la colazione era finito, quando avevo voglia di un dolcetto dopo cena, ma un giorno Filippo li ha pucciati nel marsala e da allora è stato amore vero, velocemente i biscotti son stati spazzolati e a quanto pare anche il marsala!
Ma come fare senza?
Mi son subito messa all'opera e ho trovato una ricetta su un libro dedicato ai prodotti tipici della Garfagnana ed eccoci qui, con i biscotti che son già finiti un'altra volta.
Quelli fatti da me erano leggermente diversi da quelli acquistati e la prossima volta che li farò sicuramente diminuirò un po' la dose del burro, secondo il mio modestissimo parere 100 g sono più che abbastanza.
La fantastica consistenza del granturco sotto i denti e la loro leggera friabilità però era proprio la stessa.


















Ingredienti per 1 teglia:
60 g di farina di mais fioretto
60 g di farina di granturco
120 g di burro
120 g di zucchero
2 uova (120 g)
sale

Amalgamare bene gli ingredienti e poi versarli in uno stampo ben unto e sufficientemente grande perchè l'impasto, morbido, non rimanga più alto di un dito.
Cuocere nel forno a 180° per circa 40 minuti, fino a che in superficie non si formerà una crosta dorata.
Appena tolto il dolce dal forno suddividerlo subito, con la punta di un coltello (ma sempre lasciandolo dentro lo stampo) in tanti quadrati o losanghe; è un'operazione da effettuare immediatamente perché poi, raffreddandosi, l'impasto si indurisce. 
Servire, distaccando i quadrati gli uni dagli altri quando il dolce sarà completamente freddo.

Come detto, sono ottimi se pucciati nel Marsala o nel Vinsanto.


E colgo l'occasione di questo post per fare gli auguri alla mia Paoletta, che oggi compie gli anni (quanti però non si dice)

Commenti

  1. Ciao, mi faccio viva solo adesso. Volevo ringraziarti per la compagnia e per il passaggio che ci hai dato quella sera a Milano. Sei stata davvero gentile. Mi ripromettevo di passare da voi in un momento più tranquillo ma passava troppo tempo...
    questi biscotti sono una meraviglia e penso che li farò appena torno a casa. Essendo celiaca vado sempre alla ricerca di biscottini fatti con farine alternative. Non hai indicato i gradi del forno, potresti scriverlo nel post? grazie
    quando vieni in sicilia? fammelo sapere!
    baci e grazie

    RispondiElimina
  2. Altra cosa...cosa intendi per farina di fiore? è di grano? magari la sostituisco con la farina di riso.
    ciao

    RispondiElimina
  3. Bellissimo blog! Ti seguo ;-)

    RispondiElimina
  4. Mi piacciono questi biscottini!!!

    RispondiElimina
  5. Tesooooorooooo!!!! Grazie per gli auguri e per questo regalo! Aspettavo questa ricettina con ansia, adoro la farina di mais!!!!

    Grazie Kikina, sei davvero speciale!!!!
    Mille baci

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo