Passa ai contenuti principali

Frittata con silene e patate e un weekend da paura

Oggi dovevo fare la mia seconda lezione di raccolta di erbe selvatiche, avevo già preparato il cestino, gli scarponi e, a dirla tutta, anche la giacca a vento, visto il freddo che fa (Valcava è coperta da un velo di neve fresca caduta nella notte), ma la pioggia sta decisamente rovinando i miei piani e il pensiero di dover rinunciare e di passare una giornata in casa davanti al pc, mi rende assai nervosa.
Confido però nel ricordo del weekend appena passato per vedere la nota più che positiva di questi giorni di tempo ballerino.
"Sabato Milano ha tremato!" direbbero le cronache, "un gruppo di foodblogger, giunte da varie località italiane, ha invaso la città"... regalando immensa gioia alla sottoscritta, aggiungerei io.
E' stato un vero piacere conoscere finalmente di persona l'esplosiva Ale, che in quattro e quattr'otto ha organizzato l'evento, (d'altronde prepara 7 e dico 7 dolci senza glutine in 3 ore per un dopocena e non fatico a crederlo), vabbè lo sai che penso di te, non facciamo ulteriore outing! :-P, Stefania, che mi ha lasciato davvero senza parole e non perché parla sempre e solo lei, ma perché penso sia una donna straordinaria con molto da dire e quindi è giusto lasciarla parlare, Stefania, che nonostante la calma apparente, in cucina è un vero vulcano, Nora, quella che meno si è rivelata come me l'ero immaginata, ma che più delle altre mi è entrata nel cuore con la sua sincerità e semplicità, Francesca, mamma giovane e dolcissima (dalla quale ho preso in prestito anche la foto qui accanto), Silvia, mia socia e compagna, la Vitto, Cristina, donna raffinata e lettrice da tenere d'occhio (per i buoni consigli, si intende), la Roby, che già avevo avuto il piacere di conoscere all'incontro di Novara, Dauliana, piccola ma geniale, Giulia e infine la caliente Mai, che presto adotterà il mio piccolo Alfie.
Ma non è finita qui, eh si, perché ieri ho conosciuto un'altra donna straordinaria che, fino ad ora, avevo solo "letto". 
Cinzia e i suoi adorabili bulldozer sono venuti a farmi visita ieri pomeriggio ed è stata una fantastica occasione per un tè in "tranquillità" (anche se solo apparente) e una passeggiata nella natura.
Voglio altre mille giornate così e allora ci sta anche la pioggia!


Ingredienti per 2 persone:
germogli di silene q.b.
4 patate medie
4 uova (di galline felici, se no la frittata non viene!)
parmigiano grattugiato
olio evo
noce moscata
sale e pepe

Sbucciare e lavare le patate, affettarle sottilmente e farle bollire per 5 minuti in acqua salata. Scolarle e metterle in una padella antiaderente adatta per il forno, unta leggermente di olio.
Mettere le patate sul fondo della padella, facendo più strati e disporre la silene in superficie uniformemente.
Sbattere le uova in una ciotola, aggiungere il parmigiano grattugiato, un'abbondante grattata di noce moscata e di pepe e aggiustare di sale. Versare poi il composto nella padella in modo da coprire uniformemente i germogli di silene ed infornare 20/25 minuti a 180°.


Commenti

  1. Ecco!!! Pure double face sono! Spero almeno di aver mostrato la mia faccia migliore (e non intendo solo quella da chiulo!)
    Mi rifaccio al precedente commento: VADO A CERCARE SUBITO UN CESTINOOOOOOOOO!!!!
    Bellissima frittata anche poco calorica visto che non è fritta. A proposito: ho scoperto che i germogli di silene li mangio anch'io e non li avevo mai chiamati per nome!!!
    Buona vacanza
    Nora

    RispondiElimina
  2. ...che bella combriccola, l'avevo già vista ieri sera dalla Francy :)
    un abbraccio un po' piovoso ma pieno di Sole!

    RispondiElimina
  3. oh yes, galline felici forever!!!! brava kika :)))
    sarei io la donna raffinata? ma dove?????
    a presto :)

    RispondiElimina
  4. Che bella festa!!! E quante conoscenze interessanti! buonissima anche la frittata!
    bacioni

    RispondiElimina
  5. Maddai ieri hai conosciuto anche Cinzia? Ecco perchè ero troppo dispiaciuta per il pic nic rimandato, perchè una domenica con voi diventava una domenica speciale :-D

    RispondiElimina
  6. sul piccola posso solo rassegnarmi e ammettere che si, hai ragione, ma geniale io??
    ussignur, talmente geniale da avere dimenticato subito immediatamente le associazioni nomi-blog, talmente geniale che scopro adesso che il blog della Vitto è La cucina piccolina!
    altro che geniale, sono vergognosamente rincoglionita, ma concordo con tutto il resto, grazie a voi e della bella giornata!

    RispondiElimina
  7. Io c'ero col pensiero....e vi aspetto tutte in trasferta :D

    RispondiElimina
  8. ma che bella tavolata!!!! Adoro il silene e l'abbinamento con le patate è azzeccatissimo!!

    RispondiElimina
  9. posso piangere?????
    Mi sono persa due giornate strepiterrime!!!!

    RispondiElimina
  10. qui non c'ero ma io non ho il blog!!! Grazie comunque splendida giornata!

    RispondiElimina
  11. Che effetto vedermi nella foto !!!! Giornata unica e spero ripetibile 😊ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  12. Ecco, dillo che ho tante cose da dire... Interessanti! :DDD
    Scherzi a parte, sono stata benissimo e sono felice di avervi conosciute tutte. Il mio week end di fuga è stato il più bello della mia vita! Grazie a tutte ragazze!

    RispondiElimina
  13. Sono stata poco con voi, ma rivederti è stato davvero un piacere! Un bacione e grazie!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo