Passa ai contenuti principali

Pasta risottata agli asparagi selvatici

Si dai ve lo dico, ho trovato un lavoro!!! :-D
Purtroppo la presenza sul mio blog e su quelli altrui sarà molto limitata nel prossimo futuro, a parte avere tanto da fare, ho anche un accesso limitato e controllato ad internet, quindi mi dedicherò a questa passione la sera, quando riesco, e nel fine settimana.
Ecco, finite le comunicazioni di servizio, passiamo al riposo del weekend... ma che freddo fa oggi??? Qui in Valle Imagna il tempo è terribile, nuvole e temperature autunnali e meno male che avevano detto che ci sarebbe stato il sole :-( e in più mi è venuto anche il raffreddore, speriamo che non sia dovuto alla mia passione per boschi e campi incolti, perché ormai ho raggiunto una forma di dipendenza acuta dalla raccolta di erbe spontanee... se ne conoscessi di più...
Stamattina è toccato agli asparagi selvatici, in realtà, in questo caso, germogli di pungitopo, che sono simili e si utilizzano allo stesso modo.
Sono andata a raccoglierli in giardino, districandomi tra tre grossi cespugli di pungitopo. 

Il gusto è un po' amarognolo, ma la pasta era deliziosa.
Mentre facevo le foto dovevo anche controllare che i gatti della casa non saltassero sul tavolo in giardino per mangiarsela, secondo me sarebbe piaciuta anche a loro.

















Ingredienti per 2 persone:
160 g di pasta corta
1/2 cipolla piccola
2 cucchiai di pancetta a cubetti
1 dozzina di asparagi selvatici 
vino bianco q.b.
acqua q.b.
parmigiano q.b.
sale, noce moscata

Mettere la pancetta in un tegame e farla rosolare con la cipolla, affettata finemente, senza l'aggiunta di olio, aggiungere gli asparagi, precedentemente tagliati a rondelle. Sfumare con il vino bianco e fare evaporare completamente.
Aggiungere la pasta e tostarla per 1 minuto, a questo punto bagnare con un mestolo di acqua bollente, salata o brodo e continuare la cottura, aggiungendo un mestolo di acqua alla volta, quando quella precedente è stata assorbita.
A fine cottura, a fuoco spento, mantecare con abbondante parmigiano, tener coperto per un minuto e servire.

Commenti

  1. questo metodo di cottura della pasta l'ho visto varie volte ma ancora non l'ho provato. devo dire che mi incuriosisce parecchio. il condimento è fenomenale. brava Kika.
    e che son contenta per il lavoro...già tel'avevo detto!
    bacioni

    RispondiElimina
  2. bello che ha itrovato un lavoro, bravissima, e questa pasta, che si cuoce come il risotto.. mai provato, dovrò rimediare, che dici? COn tutti sti asparagi, mio papà li ha nell'orto ;)

    RispondiElimina
  3. Complimenti per il lavoro! :))) E complimenti anche per la pasta, sembra proprio appetitosa... ho provato solo una volta la pasta risottata, ma mai con gli asparagi selvatici che adoro :)
    un abbraccio buon week end

    RispondiElimina
  4. Ma ma ma 160 gr solo????????? Senti la pasta risottata farebbe rimanere a bocca aperta quelli di masterchef, eh? baci

    RispondiElimina
  5. Complimenti per il lavoro trovato, capisco la tua emozione e sono davvero contenta per te! Questa pasta risottata è meravigliosa, se fossi stata il tuo gatto sarei saltata sul tavolo e me la sarei slurpata tutta! Grazie e buona domenica!

    RispondiElimina
  6. interessante questa ricetta, mi ispira molto!
    congratulazioni per il nuovo lavoro ^__^

    RispondiElimina
  7. @tutti: io la trovo molto comoda, a parte che si sporca una sola pentola e non è mai una cosa da sottovalutare e poi tutti i sapori rimangono nel piatto.

    RispondiElimina
  8. Che bella...me la mangio con gli occhi!

    RispondiElimina
  9. Bellissima la tua ricetta, bellissima tu. Sono certa che questa avventura, al di là di qualche piccolo ostacolo, ti porterà un sacco di cose bellissime perchè tu sei in grado di viverla al massimo e cogliere i suoi splendidi frutti. Un abbraccio grande, Chiaretta

    RispondiElimina
  10. Ormai non ti ferma più nessuno......tutte le meglio erbe saranno tue!!!!Bella questa idea per la cottura della pasta e sicuramente ottimo il risultato. Mitica!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…