mercoledì 26 dicembre 2012

Vanillekipferl e buon viaggio

Le feste sono finite e io mi sono accorta di non avervi nemmeno fatto gli auguri. 
Vabbè, ormai sarà per il prossimo anno :-P
Sono in partenza, un viaggetto itinerante per le Marche per i prossimi 6 giorni. Ci voleva proprio, la settimana prima di Natale è stata pesantissima al lavoro e questi 2 giorni di mangiate non sono stati da meno e quindi una vacanza all'insegna del relax me la sono proprio meritata.
Ci risentiamo nel nuovo anno con qualche ricettina marchigiana, per ora vi lascio ancora una ricetta natalizia, che potete fare per riempire le calze della befana.



















Ingredienti:
250 g di farina 00
200 g di burro
125 g di zucchero semolato
125 g di farina di mandorle
3 tuorli d'uovo
1 bustina di vanillina
1 pizzico di lievito
zucchero a velo q.b. 

Setacciare la farina con il lievito, aggiungere la farina di mandorle, lo zucchero, il burro freddo, la vanillina e il lievito e lavorare fino ad ottenere un impasto omogeneo. Formare una palla, avvolgerla nella pellicola trasparente e porla in frigorifero per almeno mezzora.
Riprendere l'impasto e formare dei serpentini dello spessore di una matita e tagliarli poi in pezzi da 5-6 cm. Assottigliare ulteriormente le punte e arrotondare i biscotti a forma di ferro di cavallo.
Disporli su una placca coperta da carta da forno e infornare a 180° con forno statico per 10 minuti.
Sfornare i biscotti  e cospargerli con abbondante zucchero a velo quando sono ancora caldi, poi lasciar raffreddare.

Questi biscotti li ho fatti con la mia Paoletta il giorno di Sant'Ambrogio e si sono conservati perfettamente fino ad oggi... si, purtroppo sono finiti! 

domenica 16 dicembre 2012

Baci per la mia dama

Molto spesso ti immagino... 
Il colore dei tuoi occhi, 
la prima volta che si apriranno al mondo. 
Il tuo primo sorriso 
dedicato a me. 
Ogni tuo respiro è vita. 
Sento battere il tuo cuore 
in fondo al mio, 
all'unisono. 
Sei tutto ciò che una donna possa desiderare, 
sei tutto ciò che io desidero. 
Sei tu il mio sogno.


Baci al cocco con ganache ai mirtilli


Ingredienti:
Per i biscotti:
50 g di nocciole
50 g di burro
50 g di zucchero 
30 g di farina 00
20 g di farina di cocco
Per il ripieno:
50 g di cioccolato bianco
40 g di panna fresca
10 g di succo puro di mirtilli


Mescolare velocemente le nocciole tritate finemente, il burro, lo zucchero e la farina, formare una palla e metterla in frigorifero per un'ora, avvolta nella pellicola trasparente.
Una volta raffreddato, togliere l'impasto dal frigorifero e formare delle palline grandi come delle nocciole di circa 5 g l'una, disporle su una leccarda ricoperta di carta forno, leggermente distanziate l'una dall'altra e mettere in frigorifero finché non saranno belle fredde (io le ho fatte ibernare sul balcone per una paio d'ore in una giornata invernale).
Preriscaldare il forno statico a 140° ed infornare i baci per 20 minuti. Lasciar raffreddare a temperatura ambiente.

Sciogliere il cioccolato bianco in un pentolino con la panna fresca, versare il liquido ottenuto in una ciotola capiente e porre in frigorifero per mezzora. Una volta raffreddata, togliere la ciotola con il composto di panna e cioccolato dal frigorifero, montare il tutto con una frusta elettrica fino a che non raddoppierà di volume. Aggiungere il succo di mirtilli, montare con la frusta per altri 2 minuti e riporre nuovamente in frigorifero fino ad utilizzo.


Baci al cioccolato con ganache all'arancia




Ingredienti:
Per i biscotti:
50 g di mandorle
50 g di burro
50 g di zucchero 
25 g di farina 00
25 g di cacao amaro
Per il ripieno:
50 g di cioccolato bianco
40 g di panna fresca
10 g di succo d'arancia
scorza d'arancia grattugiata


Mescolare velocemente le mandorle tritate finemente, il burro, lo zucchero, il cacao e la farina, formare una palla e metterla in frigorifero per un'ora, avvolta nella pellicola trasparente.
Una volta raffreddato, togliere l'impasto dal frigorifero e formare delle palline grandi come delle nocciole di circa 5 g l'una, disporle su una leccarda ricoperta di carta forno, leggermente distanziate l'una dall'altra e mettere in frigorifero finché non saranno belle fredde (io le ho fatte ibernare sul balcone per una paio d'ore in una giornata invernale).
Preriscaldare il forno statico a 140° ed infornare i baci per 20 minuti. Lasciar raffreddare a temperatura ambiente.

Sciogliere il cioccolato bianco in un pentolino con la panna fresca, versare il liquido ottenuto in una ciotola capiente e porre in frigorifero per mezzora. Una volta raffreddata, togliere la ciotola con il composto di panna e cioccolato dal frigorifero, montare il tutto con una frusta elettrica fino a che non raddoppierà di volume. Aggiungere il succo d'arancia e la scorza grattugiata, montare con la frusta per altri 2 minuti e riporre nuovamente in frigorifero fino ad utilizzo.


Baci alle mandorle con caramello salato





Ingredienti:
Per i biscotti:
50 g di mandorle
50 g di burro
50 g di zucchero 
50 g di farina 00
Per il ripieno:
75 g di zucchero
50 g di panna fresca
25 g di burro
1 pizzico di sale

Mescolare velocemente le mandorle tritate finemente, il burro, lo zucchero, il cacao e la farina, formare una palla e metterla in frigorifero per un'ora, avvolta nella pellicola trasparente.
Una volta raffreddato, togliere l'impasto dal frigorifero e formare delle palline grandi come delle nocciole di circa 5 g l'una, disporle su una leccarda ricoperta di carta forno, leggermente distanziate l'una dall'altra e mettere in frigorifero finché non saranno belle fredde (io le ho fatte ibernare sul balcone per una paio d'ore in una giornata invernale).
Preriscaldare il forno statico a 140° ed infornare i baci per 20 minuti. Lasciar raffreddare a temperatura ambiente.

Mettere lo zucchero in un pentolino con un fondo spesso e farlo sciogliere a fuoco basso senza mescolarlo fino a quando non diventerà ambrato e in un'altro pentolino far bollire la panna. 
Una volta pronto il caramello unire la panna (attenzione agli schizzi) e continuare a mescolare per amalgamare il tuttoTogliere dal fuoco ed aggiungere il burro ed un pizzico di sale, mescolare e far raffreddare.


E per far tesoro degli errori, vi faccio vedere come sono venuti al primo tentativo fatto con la mia adorata Paoletta durante la nostra annuale giornata biscottosa.
L'impasto lo avevamo fatto nel mixer e la cottura è stata fatta a 160° con forno ventilato per 20 minuti.
La sera stessa mi sono attaccata ad internet per capire, grazie ad esperienze di altri, cosa avevamo fatto di sbagliato per farli spatasciare in cottura. 
E grazie a questo post che mi ha fatto leggere Alessandra, sono riuscita ad ottenere dei baci bellissimi, ho impastato a mano e ridotto la temperatura in cottura.
Così facendo ho evitato un altro suicidio di massa.


I dischi volanti decorati con cioccolato fondente li ho portati in ufficio, erano buonissimi e sono stati apprezzati da tutti i miei colleghi.

giovedì 6 dicembre 2012

Pane ai mirtilli ripieno

Vi avevo lasciato in sospeso con la seconda metà dell'impasto fatto insieme ai panzerotti...

Avevo voglia di sperimentare e la mia amica Manu mi aveva regalato del succo puro di mirtilli selvatici un po' troppo amaro per esser bevuto da solo e così ho deciso di preparare un pane ripieno per le mie colazioni.
E' stato fantastico vedere l'impasto colorarsi di viola e poi soprattutto vederlo crescere grazie al ritrovato entusiasmo del mio piccolo Alfie.
La mamma di Filippo poi mi aveva regalato un vasetto di marmellata di mirtilli e in frigorifero c'erano ancora delle pere e quindi ho pensato, perché no?

Il pane mi è piaciuto un sacco e anche a Filippo, un ottimo sostituto del solito pane e marmellata che mangio a colazione.
Siccome non amo le cose troppo dolci, la prossima volta non aggiungerò lo zucchero nell'impasto, la marmellata di mirtilli era già dolcissima di suo, oppure metterò una marmellata diversa, con meno zucchero, come quelle che piacciono a me (circa 35/40%), ma non mi posso assolutamente lamentare del risultato.


















Ingredienti:
Per la pasta:
150 g di farina 00
100 g di farina di segale
125 g di acqua
25 g di succo puro di mirtilli 
90 g di lievito liquido super attivo
50 g di zucchero
Per il ripieno:
2 pere abate
marmellata di mirtilli q.b.

Mettere l'acqua e il lievito nella planetaria ed amalgamare per qualche minuto, aggiungere le farine, lo zucchero ed impastare per una decina di minuti, far riposare mezzora (autolisi), poi aggiungere il succo di mirtilli ed amalgamare il tutto.
Spennellare d'olio una ciotola, mettervi l'impasto, coprire con la pellicola trasparente e mettere in frigo a lievitare per 24 ore.A questo punto togliere l'impasto dal frigo e roversciarlo sul ripiano infarinato, stenderlo delicatamente tirandolo con le mani, fino ad ottenere un rettangolo sottile.
Cospargere la superficie di marmellata di mirtilli, stando ad almeno 1 cm dal bordo. Sbucciare le pere, privarle del torsolo e tagliarle a piccoli tocchetti e poi cospargerle sulla marmellata.
Arrotolare delicatamente la pasta su se stessa, sigillare bene i bordi e spennellare con latte a temperatura ambiente.
Mettere il rotolo ottenuto su una placca ricoperta di carta forno ed infornare 35/40 minuti a 180°.

Il pane ripieno si conserva per almeno 4 gg in frigorifero, consiglio di scaldarlo leggermente prima di mangiarlo.
Ottimo per la colazione, ma anche per una merenda, accompagnato da crema alla vaniglia o gelato alla crema.

sabato 1 dicembre 2012

Panzerotti di segale con pere, speck e fontina

L'altro giorno sono stata presa da un raptus compulsivo da panificazione, ho parlato un po' con il mio Alfie e gli ho detto che c'era da lavoricchiare e che dovevamo approfittare dei 3 giorni a casa per fare un bel lavoro.
Inizio a coccolarlo, ma niente, qualche misero millimetro di crescita, ma nessun entusiasmo.
Ostinata, continuo con le coccole ma questo non mi si fila per niente, cresce poco e io piano piano inizio a disperare.
Passati 2 giorni decido di rinfrescarlo per l'ultima volta e stufa di essere snobbata lo metto in frigo tutta la notte... la mattina, con mia grande sorpresa, vedo i primi risultati, finalmente lo sperato raddoppio.
E allora altra pappa e via di nuovo in frigo. Verso le 21 decido che o impasto o addio possibilità di farci qualche cosa, il giorno dopo si tornava al lavoro e il tempo non ci sarebbe stato più. Creo il mio solito miscuglio improbabile (di metà dell'impasto vi parlerò nel mio prossimo post) e metto a lievitare in frigorifero fino al giorno dopo.
Arrivo a casa tardi, dopo una giornata lavorativa piena e stressante, la spesa, il traffico, la mamma, mangio il tanto desiderato sushi perché, diciamoci tutta la verità, voglia di aspettare di cucinare qualcosa per mettere del cibo dotto i denti, proprio non era il caso e poi tiro fuori la ciotola dell'impasto dal frigo, il mattarello e la farina e inizio a stendere la pasta e poi farcisco e metto in forno ed comincio a sentire un profumino...

Ne ho dovuto assaggiare uno appena sfornato, non ho saputo proprio resistere!


















Ingredienti per 10 panzerotti: 
Per la pasta:
150 g di farina 00
100 g di farina di segale
150 g di acqua
90 g di lievito liquido super attivo
5 g di sale
1 cucchiaio d'olio evo
Per il ripieno:
4 fette di speck
1 pera abate
60 g di fontina
latte per spennellare

Mettere l'acqua e il lievito nella planetaria ed amalgamare per qualche minuto, aggiungere le farine ed impastare per una decina di minuti, far riposare mezzora (autolisi), poi aggiungere sale e olio ed amalgamare il tutto.
Spennellare d'olio una ciotola, mettervi l'impasto, coprire con la pellicola trasparente e mettere in frigo a lievitare per 24 ore.
Sbucciare la pera, privarla del torsolo e tagliarla a tocchetti, tagliare anche la fontina e lo speck, mischiare il tutto e mettere da parte.
A questo punto togliere l'impasto dal frigo e roversciarlo sul ripiano infarinato, cospargere con abbondante farina e dividerlo in 10 parti uguali.
Con l'aiuto di un mattarello formare i dischi di pasta e farcirli con pere, fontina e speck, ripiegarli a metà schiacciando bene i bordi e sigillarli ulteriormente tagliando la pasta in eccesso con la rotella per i ravioli.
Mettere i panzerotti su una placca ricoperta di carta forno e lasciar riposare mezzora coprendo con uno strofinaccio.
Spennellare infine con latte a temperatura ambiente e infornare per mezzora a 180°.
Related Posts Plugin for Blogger...